Ondanueve String Quartet

ONDANUEVE STRING QUARTET
in concerto

Paolo Sasso e Andrea Esposito – Violini
Luigi Tufano – Viola
Marco Parascandolo – Violoncello
Riccardo Schmitt – Percussioni

Mercoledì 1 giugno alle ore 21:00

 

Biglietto : 10 euro

 

 

Viaggio musicale con i musicisti dei film di Ozpetek e Sorrentino attreverso i più coinvolgenti ritmi e melodie del jazz, musica etnica,
pop e rock. Gli Ondanueve hanno affiancato alle esperienze classiche il rock, la world music ed il jazz, per arrivare ad un linguaggio
musicale eclettico e coinvolgente. La loro filosofia musicale si basa sulla sintesi di elementi provenienti da tradizioni differenti,
rielaborati e interiorizzati in una spontanea simbiosi.Ondanueve ama fondere le proprie idee musicali con quelle di altri artisti al
fine di proporre arrangiamenti rivisitati ma conservando le peculiarità degli autori originari, da Mozart a Michael Jackson, U2, Police,
Piazzolla, Turtle Island, Queen,Chick Corea ecc per arrivare a rielaborazioni di sigle musicali di enorme successo e creare momenti
di partecipazione totale del pubblico allo spettacolo.Hanno suonato in vari progetti live con Velvet Underground e Amii Stewart, e in
varie colonne sonore tra cui le musiche del film “I Mostri Oggi” di Enrico Oldoini (musiche di Louis Siciliano), la colonna sonora della
pubblicità della BMW serie 5-XDrive nel 2006 e “Le conseguenze dell’amore” di Paolo Sorrentino, “La Kryptonite nella borsa” di
Ivan Cotroneo, “Magnifica Presenza” di FerzanOzpetek, “Amiche da morire” di G. Farina.

unlearning

unlearningIl cinema alla Galleria Toledo…

Reduce dal successo dei maggiori festival di documentario Italiani (Marcellino de Baggis, Terra di Tutti, Genova Film Festival, Versus Film Festival, Cinemambiente, Visioni italiane)

Unlearning si autodistribuisce in sala con MOVIEDAY, la prima piattaforma web che permette a chiunque di organizzare proiezioni al cinema.

 

Il nostro è un progetto nato dal basso, e vuole mantenere la stessa linea. Volete vedere al cinema la nostra storia? Abbiamo lasciato la nostra casa di città per fare un viaggio di sei mesi senza spendere denaro… La nostra bimba di 6 anni era con noi! Baratto, autostop, scambio lavoro con circhi, ecovillaggi, comuni… E come siamo tornati? Venite a scoprirlo

Unlearning è il documentario di una famiglia Genovese (mamma, papà e bimba di 5 anni) che ha lasciato per sei mesi la città alla ricerca di una vita più a misura d’uomo. Un viaggio per scoprire un’Italia di uomini, donne e bambini che, all’omologazione, hanno risposto facendo della propria esistenza un inno alla diversità per aprirsi al cambiamento.

 

semi-in-azione

seminazione_o

“Semi-in-azione: se il seme non muore, non può dar frutto” ci riconnette al ritmo delle stagioni in cui le energie della Natura muoiono e
rinascono circolarmente in abbondanza di forme. Per questo motivo lo spettacolo si propone in quattro date diverse nel corso dell’anno, una
per stagione, aggiungendo ad ogni rappresentazione un continuum. L’ azione scenica come un rito si svolge all’interno di un cerchio dipinto, detto
Enso, il Grande Vuoto, che genera le diecimila cose, semi di ogni vita.
In questa data di Primavera, in cui coincidono l’Equinozio e il Plenilunio con la Pasqua di Resurrezione, il lavoro teatrale, che nasce dal
Mito di Kore-Proserpina, esprime le energie di germinazione e fioritura della Natura che si risveglia dal sonno meditativo dell’Inverno attraverso
la risalita ciclica di Proserpina dal Regno di Ade sulla Terra. La Regina di Plutone si svela di nuovo la divina Fanciulla alla cui danza tutta
la Terra si risveglia e sboccia a nuova verdeggiante Vita. Il ritmo del damaru (tamburello himalayano legato alla danza di Shiva-Dioniso)
accompagna l’Inno Orfico a Géa, la Madre Terra, nello svelamento del Cerchio vivente dei Semi in Germi-in Azione.
Il suono dei campanelli e del tamburo invoca e sostiene la danza, come un rifiorire del corpo in cui la Terra sboccia e germoglia di nuova vita.
La danza ne esprime la gioia fino a divenire Donna-Uccello nella stirpe della Sirena Parthenope.
Le Sirene Donne-Uccello dal canto in-cant-evole, sono Spiriti Guida nel loro culto autoctono tra la costiera Amalfitana e la
Penisola Sorrentina, sino a Napoli, originariamente fondata come Parthenope.
“Semi-in-azione: se il seme non muore non puo’ dar frutto” vuole essere anche un contributo al risveglio dell’Anima della nostra città.
L’azione creativa di “Semi-in-azione: se il seme non muore non puo’ dar frutto” con quattro appuntamenti nel corso dell’anno, evoca i
quattro elementi vitali: la Terra, l’Acqua, il Fuoco, l’Aria contenuti nel Grande Spazio.

 

semi10_n.jpgsemi25_n.jpg semi20_n.jpgsemi19_n.jpgsemi25_n.jpgsemi8_n.jpgsemi16_n.jpg