sabato 24 Marzo 2018 – ore 21,00 per la rassegna SONGS

“LA QUINTA GIORNATA DI NAPOLI”.
UN VIAGGIO TRA MUSICA E PAROLE ATTRAVERSO LA STORIA DI NAPOLI

A cura dello scrittore partenopeo
Luca Delgado ed i Quartieri Jazz di Mario Romano

Line up:
QUARTIERI JAZZ ORKESTRINE

Luca Delgado voce narrante
Alessandro De Carolis flauti
Mario Romano chitarra classica/mandola
Alberto Santaniello chitarra classica
Luigi Esposito pianoforte/melodica
Ciro Imperato contrabbasso
Emiliano Barrella batteria/percussioni
Acquista         

LO SPETTACOLO – Un itinerario con soste tra i brani più belli della Letteratura Napoletana, da Giambattista Basile a Valeria Parrella, da Raffaele Viviani ad Antonella Cilento, con il Neapolitan Gipsy Jazz dell’ensemble Quartieri Jazz, capitanato da Mario Romano, chitarrista dei Quartieri Spagnoli. Uno spettacolo all’insegna dell’Orgoglio Napoletano, intriso di spirito identitario, che celebra i nostri talenti di ieri, di oggi e di domani e che invita a ritrovare l’unità: la stessa che caratterizzò il popolo napoletano durante le storiche “Quattro Giornate di Napoli”, a cui i Quartieri Jazz hanno dedicato il loro ultimo, omonimo, lavoro discografico (settembre 2016).

“LE 4 GIORNATE DI NAPOLI”

Col nuovo album (settembre 2016) il chitarrista dei Quartieri Spagnoli affronta una nuova sfida all’insegna della consapevolezza e della rivalutazione dell’identità partenopea, attraverso la fusione tra la napoletanità dei vicoli in cui vive l’artista, e il jazz manouche dei caposcuola come Reinhardt e Rosenberg, proseguendo così sulla strada del genere coniato: Il NEAPOLITAN GIPSY JAZZ.

Un disco ispirato al sentimento di “Unione e Ribellione” di quel settembre del ’43, dove i napoletani, senza distinzione di classe, imbracciarono le armi in una rivolta spontanea e scacciarono il nemico nazista. E come ieri, oggi spira in città una forte voglia di riscatto e cambiamento, ma oggi è necessario imbracciare le armi della cultura e cavalcare questa nuova “Rivoluzione Napoletana” partita dal basso, facendo “Resistenza Culturale”.