Villa Pignatelli Napoli / DoppioSogno – XX edizione
Martedì 30 giugno 2020, ore 20.30

AZIONI!
Dal romanzo “Gli invasati” di Jack Finney
interpretazione Luciano Dell’Aglio e Stefano Jotti

TERRORE DALLO SPAZIO PROFONDO (Invasion of the Body Snatchers)
regia Philip Kaufman
con D. Sutherland, L. Nimoy, B. Adams, D. Siegel, J.Goldblum, R. Duvall
1978 USA Colore 115 min.

Villa Pignatelli, Riviera di Chiaia, 200 – Napoli

AZIONI! + cinema: posto unico 5 euro
L’acquisto è possibile in botteghino

“Ho vissuto tutta la vita in questa città, ma oggi, in qualche modo, sentivo che la gente era cambiata… non solo Geoffrey, ma tutti…” sono le parole che all’inizio di questo thriller fantascientifico la protagonista Elizabeth (Brooke Adams) rivolge all’amico Matthew (Donald Sutherland) commentando l’inquietante clima che si percepisce d’improvviso nella città.Terrore dallo spazio profondo (Invasion of the Body Snatchers) è il riuscito remake di Philip Kaufman del film dal titolo quasi identico realizzato da Don Siegel nel 1956. Qui un gruppo di terrestri lotta per salvare il mondo da una piaga biologica aliena proveniente dai confini dell’Universo, che rende i poveri umani meri involucri svuotati di sé stessi, fantocci della propria identità distintiva. Tra le righe è implicita la critica rivolta a una società omologata e soprattutto si evidenzia il qualunquismo perbenista diffuso nella provincia americana, che non a caso è sempre luogo ideale per l’atterraggio di un’astronave extraterrestre. Come al momento della morte, dalla bocca esce la vita di relazione, distrutto ogni tratto culturale, poiché qualcos’altro, un agente esterno parassita, come un morbo pestilenziale è entrato a sostituirla con uno stato di non-esistenza. Ridotti a colture perverse e passive, simili a zombie, i contagiati manifestano i segni dell’alienazione dell’identità individuale attraverso un grido disumanizzato, lancinante, che riporta all’istante fissato sulla tela da Edvard Munch nel suo celeberrimo L’Urlo. A interpretare in letteratura la colonizzazione della persona fisica, come condizionamento che priva di ogni qualità, gli ottimi attori Stefano Jotti e Luciano Dell’Aglio.